31/10/2020

Usspavolley

The Sport Effect

Come Spiare su WhatsApp Senza Essere Scoperti

La maggior parte dei genitori si dice preoccupata per la sicurezza dei figli quando si trovano davanti al monitor del cellulare. Inutile negarlo: la rete è un ambiente insidioso e cela rischi e pericoli di ogni genere. Le piattaforme di instant messaging, come WhatsApp, celano minacce da non sottovalutare. I genitori forse pensano che i figli le usino per parlare con amici, parenti e compagni di scuola, ma in realtà i giovani e giovanissimi molto spesso chattano con perfetti sconosciuti incontrati sui social e accedono a gruppi popolati da centinaia di persone, tra cui potrebbero nascondersi cybercriminali, scammer, false identità e pedofili. 

Ottenere l’accesso remoto al telefono dei figli e controllare in ogni momento con chi stanno chattando è indispensabile per proteggerli dalle insidie della rete e salvaguardare la loro sicurezza online. Ecco una mini-guida su come controllare Whatsapp a distanza e tutelare i propri figli su internet.

Come spiare su WhatsApp da remoto

Il modo più efficace per tenere sotto controllo l’attività in rete dei figli è ricorrere all’uso di appositi programmi per il controllo parentale, come mSpy, leader nel settore degli strumenti di family tracking. Si tratta di un software messo a punto specificatamente per consentire ai genitori di accedere alle conversazioni sulle app di messaggistica istantanea ed effettuare un monitoraggio a tutto tondo dell’attività telefonica e online.

Non si tratta né di essere hacker o investigatori privati, né tantomeno di violare la privacy dei propri figli, ma di svolgere il proprio ruolo di genitori, che include il dovere di controllo, vigilanza e tutela.

Se vi dovesse capitare di notare attività sospette su WhatsApp, insistenti attenzioni da parte di perfetti sconosciuti, conversazioni con persone non di vostra conoscenza, messaggi ingiuriosi, minacce o scambi di foto o video con espliciti riferimenti sessuali, intervenite senza esitazione, chiedete immediatamente spiegazioni e, se necessario, rivolgetevi alle forze dell’ordine.